Investimenti sostenibili 4.0 - Bando 2023

Anticipo rimborsabile Aree interne Brevetto Capitale di rischio Conoscenze Tecniche Non Brevettate/Know how Consorzio tra imprenditori Contributo a fondo perduto Contributo diretto alla spesa Contributo in c/capitale c/impianti Contributo in c/esercizio Contributo in c/interessi Cooperativa Costi della ricerca contrattuale, condizioni di mercato Costo del personale Costo di immobili, fabbricati e dei terreni Costo di strumenti e attrezzature Credito d'imposta Crisi d'impresa De minimis Detrazione di imposta Differimento dell’imposta Digitalizzazione Dimensione di Impresa Ente del Terzo settore Finanziamento agevolato Fondo di investimento Formazione Professionale Grande Impresa Impianti/Macchinari Imprenditoria Femminile Impresa - PMI innovativa Impresa - Startup innovativa Impresa a prevalenza femminile Impresa a prevalenza giovanile Inclusione Sociale Innovazione e Ricerca Internazionalizzazione Interventi a garanzia Istituto finanziario Licenze Marchi Materie prime, di consumo e merci Media Impresa Microimpresa  Piccola Impresa Premio Prestito Prestito agevolato Progettazione/studi/consulenze Registro Nazionale Aiuti di Stato Reti d'impresa Riduzione dei contributi di previdenza sociale Riduzione dell’aliquota Servizi professionali Sostegno Investimenti Sostegno Liquidità Sovvenzione Sovvenzione rimborsabile Spese generali Start up/Sviluppo d'impresa Start-up Transizione ecologica ZES Zone Franche Urbane Zone sismiche
Torna al catalogo incentivi
Aggiungi ai preferiti
Aggiunto ai preferiti
Stampa

Stato INCENTIVO

Attivo
Chiuso
In Arrivo

Data apertura

18/10/2023

Data chiusura

19/10/2023

Note

Con decreto direttoriale 18 ottobre 2023, a seguito dell’avvenuto esaurimento delle risorse finanziarie, è stata disposta con effetto dal 19 ottobre 2023 la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione
Ultimo aggiornamento: 03/12/2023

Investimenti sostenibili 4.0 - Bando 2023

Stato INCENTIVO

Attivo
Chiuso
In Arrivo

Data apertura

18/10/2023

Data chiusura

19/10/2023

Note

Con decreto direttoriale 18 ottobre 2023, a seguito dell’avvenuto esaurimento delle risorse finanziarie, è stata disposta con effetto dal 19 ottobre 2023 la chiusura dello sportello per la presentazione delle domande di agevolazione
Sostegno investimenti
Dettagli incentivo

FORMA agevolazione

Contributo/Fondo perduto, Prestito/Anticipo rimborsabile

SETTORE

Agroalimentare, Altri servizi, Autoveicoli e altri mezzi di trasporto, Chimica e Farmaceutica, Elettronica, Meccanica, Metallurgia, Mobili, Legno e Carta, Moda e Tessile

SPESA AMMESSA

Da 750.000 €   a 5.000.000 €

REGIONI

Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia

Cos'è

La misura Investimenti sostenibili 4.0, in continuità con il precedente bando di cui al decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 febbraio 2022, dà attuazione agli obiettivi di sviluppo perseguiti nell’ambito del Programma Nazionale “Ricerca, Innovazione e Competitività per la transizione verde e digitale” FESR 2021-2027. La misura sostiene il processo di transizione delle piccole e medie imprese delle Regioni meno sviluppate del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna) verso il paradigma del Piano Transizione 4.0, mediante l’incentivazione di investimenti imprenditoriali innovativi e sostenibili, che facciano ampio ricorso alle tecnologie digitali.

A chi si rivolge

Le agevolazioni sono concesse alle PMI che alla data di presentazione della domanda devono:
- essere regolarmente costituite, iscritte e «attive» nel registro delle imprese;
- essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in 
liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali
non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019, fatte salve le deroghe 
previste per le microimprese e piccole imprese dalla disciplina in materia di 
aiuti di riferimento;
trovarsi in regime di contabilità ordinaria e disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il registro delle imprese ovvero aver presentato, nel caso di imprese individuali e società di persone, almeno due dichiarazioni dei redditi;
- essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e 
urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia 
dell'ambiente ed essere in regola in relazione agli obblighi contributivi;
- aver restituito somme dovute a seguito di provvedimenti di revoca di 
agevolazioni concesse dal Ministero non aver effettuato, nei due anni 
precedenti la presentazione della domanda, una delocalizzazione verso 
l'unità produttiva oggetto dell'investimento
- non trovarsi in una delle situazioni di esclusione previste dall’art. 5, comma 2, 
del DM 15 maggio 2023.
 

Cosa prevede

I programmi di investimento devono prevedere l'utilizzo delle tecnologie abilitanti afferenti al piano Transizione 4.0. e l'ammontare di tali spese deve risultare preponderante rispetto al totale dei costi ammissibili del programma. 
Devono essere diretti all'ampliamento della capacità alla diversificazione della produzione funzionale a ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza o al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un'unità produttiva esistente ovvero alla realizzazione di una nuova unità produttiva.
I programmi di investimento devono essere realizzati presso un'unità produttiva localizzata nei territori delle Regioni meno sviluppate del Mezzogiorno (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna)

Ulteriori Dettagli

Obiettivo - Finalità

Sostegno investimenti

Forma agevolazione

Contributo/Fondo perduto, Prestito/Anticipo rimborsabile

Costi ammessi

Non individuabili secondo le definizioni di cui ai Regolamenti Comunitari

Spesa ammessa (min-max)

Da 750.000 €   a 5.000.000 €

Agevolazione concedibile (min-max)

--

Tipologia soggetto

Impresa

Dimensione

Media Impresa , Piccola Impresa

Settore attività

Agroalimentare, Altri servizi, Autoveicoli e altri mezzi di trasporto, Chimica e Farmaceutica, Elettronica, Meccanica, Metallurgia, Mobili, Legno e Carta, Moda e Tessile

ATECO

37.00; 38.10; 38.11; 38.12; 38.30; 38.31; 38.32; 52.00; 52.10; 52.20; 52.21; 52.22; 52.23; 52.24; 52.29; 56.29; 58.20; 58.21; 58.29; 61.00; 61.10; 61.20; 61.30; 61.90; 62.00; 62.01; 62.02; 62.03; 62.09; 63.10; 63.11; 63.12; 70.00; 70.10; 70.20; 70.21; 70.22; 71.00; 71.10; 71.11; 71.12; 71.20; 72.00; 72.10; 72.11; 72.19; 72.20; 73.00; 73.10; 73.11; 73.12; 73.20; 82.20; 82.92; 95.10; 95.11; 95.12; 96.01;

Regioni

Basilicata - Calabria - Campania - Molise - Puglia - Sardegna - Sicilia

Comuni

--

Ambito territoriale speciale

--

Altre caratteristiche

--

Soggetto gestore

Invitalia - Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A.

Base normativa primaria

Decreto del Ministro delle imprese e del made in Italy 15 maggio 2023 - Investimenti sostenibili 4.0 PN RIC 2021-2027

Base normativa secondaria

--

Provvedimento attuativo

Decreto del Ministro delle imprese e del made in Italy 15 maggio 2023 - Investimenti sostenibili 4.0 PN RIC 2021-2027

Riferimenti Gazzetta Ufficiale

--

Stanziamento incentivo

64.000.000 €
Approfondisci