Interventi per favorire l'insediamento e la permanenza di attività economiche in zone montane anno 2023 - Provincia Autonoma di Trento

Anticipo rimborsabile Aree interne Brevetto Capitale di rischio Conoscenze Tecniche Non Brevettate/Know how Consorzio tra imprenditori Contributo a fondo perduto Contributo diretto alla spesa Contributo in c/capitale c/impianti Contributo in c/esercizio Contributo in c/interessi Cooperativa Costi della ricerca contrattuale, condizioni di mercato Costo del personale Costo di immobili, fabbricati e dei terreni Costo di strumenti e attrezzature Credito d'imposta Crisi d'impresa De minimis Detrazione di imposta Differimento dell’imposta Digitalizzazione Dimensione di Impresa Ente del Terzo settore Finanziamento agevolato Fondo di investimento Formazione Professionale Grande Impresa Impianti/Macchinari Imprenditoria Femminile Impresa - PMI innovativa Impresa - Startup innovativa Impresa a prevalenza femminile Impresa a prevalenza giovanile Inclusione Sociale Innovazione e Ricerca Internazionalizzazione Interventi a garanzia Istituto finanziario Licenze Marchi Materie prime, di consumo e merci Media Impresa Microimpresa  Piccola Impresa Premio Prestito Prestito agevolato Progettazione/studi/consulenze Registro Nazionale Aiuti di Stato Reti d'impresa Riduzione dei contributi di previdenza sociale Riduzione dell’aliquota Servizi professionali Sostegno Investimenti Sostegno Liquidità Sovvenzione Sovvenzione rimborsabile Spese generali Start up/Sviluppo d'impresa Start-up Transizione ecologica ZES Zone Franche Urbane Zone sismiche
Torna al catalogo incentivi
Aggiungi ai preferiti
Aggiunto ai preferiti
Stampa

Stato INCENTIVO

Attivo
Chiuso
In Arrivo

Data apertura

10/01/2024

Data chiusura

28/02/2024
Ultimo aggiornamento: 18/12/2023

Interventi per favorire l'insediamento e la permanenza di attività economiche in zone montane anno 2023 - Provincia Autonoma di Trento

Stato INCENTIVO

Attivo
Chiuso
In Arrivo

Data apertura

10/01/2024

Data chiusura

28/02/2024
Sostegno liquidità
Dettagli incentivo

FORMA agevolazione

Contributo/Fondo perduto

SETTORE

Commercio, Ristorazione

SPESA AMMESSA

REGIONI

Trentino-Alto Adige/Südtirol

Cos'è

L'incentivo economico annuale rientra tra gli interventi per l'insediamento e per la permanenza destinati alle imprese situate in zone periferiche e disagiate del Trentino, che offrono, in aggiunta ai servizi commerciali, ulteriori servizi di utilità per la popolazione residente altrimenti non disponibili.

Per approfondire:
https://www.provincia.tn.it/Servizi/Multiservizi-interventi-per-l-insediamento
https://www.provincia.tn.it/Servizi/Multiservizi-contributi-per-la-permanenza

Normativa:
- Delibera Giunta Provinciale n.1924/2023 per domande anno 2024 
- Criteri approvati con delibera della Giunta Provinciale n.1958/2022, modificata con delibera n.365/2023.
 

A chi si rivolge

L'incentivo è destinato a esercizi commerciali di dettaglio di generi alimentari e di prima necessità o di pubblico esercizio che, accanto alla loro principale attività, forniscano anche i servizi accessori previsti dalla relativa disciplina (cosiddette attività multiservizi) utili alla popolazione locale, in località altrimenti prive di servizi commerciali della stessa tipologia.

Possono fare domanda le imprese in possesso dei seguenti requisiti:
- essere iscritte nel Registro delle imprese di Trento;
- avere la sede legale e/o unità operativa locale sul territorio provinciale;
non avere procedure concorsuali in corso.
- il volume d'affari dell’esercizio riferito all’ultimo esercizio finanziario chiuso alla data di presentazione della domanda non deve essere superiore a 591.560,00 euro;
- le ULA (Unità Lavorative Annue) non devono essere superiori a 2,5 esclusi titolari, collaboratori familiari ed apprendisti;
- la superficie di vendita e/o di somministrazione tra 50 e 300 mq;
- l’orario giornaliero di apertura di minimo 3 ore per almeno 6 giorni alla settimana, o 5 giorni, dei quali almeno uno deve rimanere aperto sia al mattino, sia al pomeriggio per un totale di almeno 6 ore ripartite tra mattina e pomeriggio;
- non avere apparecchi da gioco ex art. 110, comma 6, del RD 773/1931 e LP 13/2015;
- essere situati fuori da luoghi storici del commercio.
La località in cui si trova l’esercizio deve poi possedere questi requisiti:
- minimo 100 abitanti;
- sprovviste di altri esercizi della stessa tipologia;
- dista almeno 3 km stradali da qualsiasi altro esercizio della medesima tipologia, fatto salvo il caso, preventivamente attestato dal competente comune, in cui l’altro esercizio commerciale della medesima tipologia si trovi a meno di 3 km, ma in posizione isolata rispetto al centro abitato;
- altitudine di almeno 500 m., fatte salve specifiche e motivate situazioni di isolamento o perifericità, preventivamente attestate dal competente comune.
 

Cosa prevede

L'incentivo prevede un premio di insediamento una tantum di 29.000,00 euro e un incentivo annuale fino a 20.000,00 euro per ogni unità operativa locale che svolga nelle località con i requisiti previsti dalla disciplina almeno due attività aggiuntive (multiservizi) tra le seguenti:
- servizi erogati in convenzione con enti pubblici;
- servizio gratuito di assistenza per la prenotazione telefonica o on-line di visite mediche specialistiche a beneficio di richiedenti;
- servizio gratuito di stampa di referti medici e assistenza all’accesso alla cartella clinica del cittadino “Tre C” a beneficio di richiedenti;
- servizio gratuito di punto di recapito per farmaci inviati in busta chiusa nominativa da farmacie operative nei centri limitrofi;
- servizio gratuito di centro per la raccolta ed il successivo invio della corrispondenza nei centri abitati privi di ufficio postale, previa apposita convenzione con il gestore del servizio postale;
- servizi di pagamento (bollo auto, bollettini, etc.);
- servizio gratuito di consegna della spesa a domicilio nella località in cui opera l'unità operativa locale dell'esercizio commerciale;
- servizio bancomat;
- vendita di carni fresche e/o congelate, conservate, preparate, confezionate;
- servizio gratuito di accesso a internet tramite rete Wi-Fi utilizzabile con periferiche di proprietà degli utenti;
- servizio gratuito di punto di ritiro pacchi a banco in presenza di personale addetto;
- servizio di ricariche telefoniche di almeno due tra i principali gestori di telefonia mobile;
- rivendita di giornali quotidiani e riviste;
- servizio gratuito di navigazione internet e accesso alla posta elettronica attraverso una postazione PC, servizio gratuito di telefax e di fotocopie aperto al pubblico;
- vendita di almeno dieci referenze di prodotti biologici e/o per celiaci;
- vendita di almeno dieci referenze di prodotti trentini e/o del commercio equo e solidale;
- servizio di noleggio biciclette (elettriche e/o muscolari)
- servizio gratuito di ricarica batterie per biciclette elettriche.

Ulteriori Dettagli

Obiettivo - Finalità

Sostegno liquidità

Forma agevolazione

Contributo/Fondo perduto

Costi ammessi

Non individuabili secondo le definizioni di cui ai Regolamenti Comunitari

Spesa ammessa (min-max)

--

Agevolazione concedibile (min-max)

--

Tipologia soggetto

Impresa

Dimensione

Grande Impresa , Media Impresa , Microimpresa , Non classificabile/classificato , Piccola Impresa

Settore attività

Commercio, Ristorazione

ATECO

47.11; 56.30;

Regioni

Trentino-Alto Adige/Südtirol

Comuni

--

Ambito territoriale speciale

--

Altre caratteristiche

--

Soggetto gestore

Provincia Autonoma di Trento

Base normativa primaria

PAT-LP 17/2010 Disciplina dell'attività commerciale

Base normativa secondaria

--

Provvedimento attuativo

PAT-LP 17/2010 Disciplina dell'attività commerciale

Riferimenti Gazzetta Ufficiale

--

Stanziamento incentivo

4.300.000 €
Approfondisci